< Creature immonde da dimensioni oscure di  Gabriele Piretti (NeroPress)

Qui di seguito le recensioni di CreatureImmondeDaDimensioniOscure raccolte col torneo 'nar' (tutte le fasi)

* * *

 

Un libro senza senso, non ho capito se l’autore voleva scrivere di fantascienza, di esoterismo o di misticismo...di qualsiasi cosa volesse scrivere non c’è riuscito. Un libro assurdo ridicolo, noioso.

carla magrelli

* * *

 

Il libro è a metà tra l’horror e il fantasy. L’autore rende evidente le sue origini Romane e quelle dei protagonisti attraverso il colorito linguaggio. La storia è ben sviluppata, i personaggi caratterizzati tutti in modo tragicomico. Una lettura piacevole.

A.T.

* * *

 

***
Circolo dei lettori
di Ponte Buggianese “Vitamine vaganti”
coordinato da Laura Candiani
***
Sarebbe scritto bene, con citazioni altisonanti, ma di molta sua “oscurità” si è già letto in altri autori dell’ high fantasy, da Tolkien a Rowling, gli manca ancora un pizzico in più di originalità e magari molto meno linguaggio scurrile.


Fosca Pizzaroni

* * *

 

Dopo aver detto che mi ha colpito parecchio la fantasia dell’autore nel costruire i personaggi-mostri che compaiono nel libro, non mi ha convinto per niente l’utilizzo dell’ironia e del linguaggio, a mio parere, troppo condito di espressioni volgari. Horror e ironia secondo me non vanno d’accordo, ma magari sono io a non aver compreso bene il testo.


Marina Antonelli

* * *

 

Il libro più folle e allucinato che abbia mai letto. Un parterre di personaggi a metà strada tra Bilbo Baggins e Er Monnezza. Meravigliosi. Roma, protagonista a suo modo, singhiozza, rutta e declama; risplende e ammuffisce. Un po’ come nella vita reale. Due cose, però, non posso perdonare a Gabriele Piretti: per tutta la durata del libro, alzarsi di notte per fare pipì è stato un vero e proprio trauma; non riuscirò mai più a guardare la mia gatta alla stessa maniera… Forse, ed è un mio limite, sono troppo suggestionabile per il genere.

Sara Balzerano

* * *

 

Giallo fantascientifico dalla trama originale, peccato perché la lettura mi è risultata pesante per l’uso di un linguaggio spesso scurrile.

Anna Maria Baccan

* * *

 

***
Circolo dei lettori
di Sezze “Lettera Ventidue”
coordinato da Gabriella Tomei
***
Forse non è il mio genere di lettura però ritengo che descrivere i personaggi di un romanzo in modo così ridicolo, la necessità di soffermarsi continuamente su esigenze corporali o descrizioni splatter non facciano altro che spostare l’attenzione su quello che dovrebbe essere il nucleo di un romanzo, la narrazione della storia ed il modo di farlo.

Maria Gabriella Tomei

* * *

 

Creature immonde da dimensioni oscure:
storia horror ben fatta, a tratti piacevole, ma non sempre entusiasmante.

Roberta Traldi