< Il delitto di vico San Domenico Maggiore di  Lidia Del Gaudio (Fanucci)

Qui di seguito le recensioni di IlDelittoDiVicoSanDomenico raccolte col torneo 'nar' (tutte le fasi)

* * *

 

Ho apprezzato l’ambientazione storica, molto curata, e la scrittura fluida ed elegante. Molto curata anche la costruzione dei personaggi, con i linguaggi che si diversificano e si adattano alla perfezione ai diversi protagonisti.

Vania Rivalta

* * *

 

Questa lettura mi ha incuriosito all’inizio, ma ho fatto fatica ad entrare nella storia e a seguire le vicende dei personaggi
Ho apprezzato L’ambientazione nella Campania degli anni ‘40 e la descrizione dei luoghi

Silvia Somigli

* * *

 

Una bella scoperta questo noir ! L’autrice ha una bella penna, la scrittura scorre sicura, il ritmo è cadenzato, musicale, le immagini prendono vita, uscendo dalla pagina e restituendoci tutto il piacere che nasce da un intreccio ben articolato. Personalmente credo, però, che la scrittura si sarebbe giovata di una maggiore "ruvidezza": a tratti mi è sembrata troppo sorvegliata, rigida, studiata. Poi ci sono alcune similitudini con i personaggi delle storie del Commissario Montalbano che non ho particolarmente gradito: donne invariabilmente affascinanti, una fedele domestica bravissima a cucinare, un questore che vuole chiudere in fretta le indagini e che ha timore dei "potenti"

Alessandra Cavalieri

* * *

 

Classico libro giallo, che si cala in una realtà partenopea, come si evince dalla descrizione realistica dei luoghi anche con l’utilizzo di espressioni di linguaggio dialettale. Il commissario Sorrentino alle prese con il delitto di un medico famoso, riesce a ricostruire anche la storia personale della vittima. Il linguaggio scorrevole e le descrizioni degli stati d’animo del protagonista riescono a tenere desta l’attenzione del lettore. Il finale si intuisce, ma tuttavia riesce a coinvolgere.

Sanzaro Milena

* * *

 

Un giallo con storie che si intrecciano in una Napoli del 1940, porta con l’immaginazione a posti sconosciuti vie e angoli di città, e questo è l’unico aspetto che mi ha coinvolta. Una narrazione basica e forse troppo confusionaria. Le parti storiche sono poco approfondite e a tratti di fantasia o comunque presentate sotto un’altra veste. Interessanti i riferimenti musicali alle canzoni classiche napoletane Non mi ha trasmesso un’idea chiara della storia.

Rosanna Destro

* * *

 

"Il delitto di vico San Domenico" è ben scritto. Piacevoli sono gli interventi dialettali (non troppi, nella giusta misura). Scrittura pulita. Interessante il finale, a partire dalla citazione "Combattenti,...".
L’ho letto volentieri, anche se è un po’ lungo

Luigina Badiale

* * *

 

Il Delitto di Vico San Domenico, è un libro abientato in un ambito storico, non essendo sicuramente il mio genere, è però scritto bene e con una narrazione lineare.

MC

* * *

 

interessante spy story all’italiana.
non si tratta del genere di romanzo che preferisco, ma bello lo sguardo sul decennio in cui sono nata

Verdiana Maiellaro

* * *

 

Un bel giallo ambientato a Napoli negli ’40. La scrittrice riesce a tenerti incollato alla storia fino alla fine, nei vicoli di una Napoli affascinante.
Amante di De Giovanni non posso non apprezzare un giallo napoletano.

Elisa Parotto