< La maledizione del nome di  Elena Torre (Castelvecchi)

Qui di seguito le recensioni di LaMaledizioneDelNome raccolte col torneo 'nar' (tutte le fasi)

* * *

 

L’ho trovato piacevole alla lettura anche se ho trovato diversi refusi. La storia in sé non mi ha appassionato perché dal mio punto di vista è troppo ricca di situazioni che alla fine mi hanno confuso. Ammetto che non è il mio genere.

Sandra Saltarelli

* * *

 

Scritto come un libro per adolescenti, tanti, troppi personaggi e confusi, ignoro se ci sia un primo libro in cui viene spiegato tutto, in caso contrario si vuol riassumere troppo in troppo poco spazio. Il modo in cui il testo è scritto, la scelta di assumere il punto di vista di vari personaggi e vari luoghi nei capitoli, immagino fatto per creare una sorta di effetto suspense o enigmatico, a mio avviso crea solo maggiore confusione. I toni apocalittici mi sembrano poco credibili e i personaggi alquanto piatti, dei tipi. Le frasi, né troppo lunghe né troppo corte, danno l’impressione di essere state prese da varie opere e cucite insieme nel tentativo di mischiare generi differenti, intrighi al Vaticano, poliziotti con passati torbidi, storie d’amore ingarbugliate, sette ed esoterismi vari, un po’ di tutto senza riuscire ad approfondire niente.

Giulia Ziliani

* * *

 

La lettura di "la maledizione del nome" di Elena Torre è scorrevole ed intrigante. L’ho letto d’un fiato cercando di comprendere ogni verità nascosta che l’autrice ha abilmente celato fino alla fine. È un libro che mi è piaciuto perché ha l’aspetto di un complicato rompicapo e forse proprio per questo richiede molta, molta attenzione; si è costretti a tornare spesso indietro perché i personaggi sono molti e si rischia di fare confusione. Nonostante ciò una volta compresi i personaggi la lettura è davvero molto interessante.

Ilaria Valentina Giannì

* * *

 

Legati dal filo esoterico personaggi, ambienti ed evoluzioni delle vicende risucchiano l’attenzione del lettore con grande affabilità. La suspense che si dipana dai capitoli tiene avidamente avvinti alla lettura. Una storia inventata corredata dal gusto della narrazione e sapientemente svelata, dove l’esoterismo si vuole fare portatore di un nuovo ordine della società sovvertendone gli equilibri precostituiti. Una lettura mozzafiato!

Irene Vallone