< Santa Suerte. Una storia underground di  Mauro Armuzzi (Aliberti)

Qui di seguito le recensioni di SantaSuerte raccolte col torneo 'nar' (tutte le fasi)

* * *

 

Santa Suerte: Giù, giù in fondo e poi in risalita, ma la discesa per me è troppo soffocante. E’ una realtà sbattuta in faccia a più riprese alla ricerca dell’appagamento e della libertà.Personalmente ho preferito il filtro onirico di Turmac Bleu.

marta savino

* * *

 

Viaggio stupefacente nella cultura underground. Una prosa rapida, molti personaggi accennati eppure ben caratterizzati ruotano intorno alle avventure di un eroe contro il sistema. Sesso droga e "maldimalavita" che portano il protagonista in giro per l’europa a spacciare droga, dagli apici dei festini all’abisso delle k-hole, overdose da ketamina, fino al carcere. Un viaggio in cerca della libertà dal passato e di una nuova vita.

Francesca Sempio

* * *

 

Nonostante il genere biografia non faccia parte della mia "comfort zone" letteraria, questo libro mi è piaciuto molto.
Mi è piaciuto il modo di scrivere, accattivante e scorrevole, e la storia ovviamente, perfetta sceneggiatura per un film o una serie tv! E’ stato come stare sulle montagne russe con il protagonista.
Decisamente consigliato!

* * *

 

Il verdetto è a favore di L’orrore e la bellezza di Cerullo. Però visto che si tratta di un torneo, i due autori se la sono giocata ai supplementari.
La trama - ricco di colpi di scena Santa Suerte, filmico; Il ritmo - Santa Suerte è veloce, incalzante, Armuzzi rende bene in parole la tensione, il treno che corre verso l’abisso.
Il contenuto – Armuzzi narra dall’interno; dice Armuzzi di aver scritto “una sorta di biografia combinata ad altre storie metropolitane tra realtà e leggenda(p.284)”, ma è troppo esagerato, la prima parte della vicenda sembra le avventure del Capitan Fracassa degli spacciatori (i poliziotti non lo prendono mai, le donne sono tutte bellissime, le ambientazioni tutte da sogno. In entrambe le vicende – dantescamente – la salvezza , lo spiraglio di luce viene da una donna che amando il protagonista, lo fa rinsavire.
L’uso dell’italiano: sgargiante, esagerato in Santa Suerte;
Punti deboli: Santa Suerte: pag.74 - come fa a calare il sole alle sette di mattina? Pag.152 - Maradona vendicò le Falkland non le Faer Oer; pag.215 - Carletto è in rianimazione, il protagonista entra e parlano (?); pag.268 Jasmine messaggia al protagonista che è gli è nato un figlio, del quale nulla più viene detto.

Marco Zagnoli

* * *

 

"Santa Suerte. Una storia underground". Cinque parole che riassumono questa biografia: Mauro Armuzzi, o Maradona o Mamamia, narra la sua vita da dietro le sbarre del Regina Coeli. Narra della sua vita da spacciatore a Londra, narcotrafficante in India, tra ketamina, alcool ed ogni tipo di eccessi.

Poi, la rinascita: ha compreso cosa sia la vera libertà attraverso l’arte. Ecco perché ha deciso di raccontarsi: per trovare quella libertà perduta. È una storia carica di potenza la sua, anche se credo che lui abbia del potenziale strutturale che deve essere sviluppato, specie per quanto riguarda i salti temporali e narrativi.

Voto: 3/5

Annapia Fiore

* * *

 

La storia del romanzo è interessante ma l’introduzione è molto lunga ed a tratti ripetitiva. La storia travagliata del protagonista rimanda ai gironi danteschi con un finale di redenzione..."e quindi uscimmo a riveder le stelle".

Luigina Luzi

* * *

 

Troppo esagerato, troppo sopra le righe, dice che è una storia vera ma certe scene sono davvero inverosimili.

Domenico Sergio Vazzano