< Se due come noi di  Micaela Miljian Savoldelli (Vallardi)

Qui di seguito le recensioni di SeDueComeNoi raccolte col torneo 'nar' (tutte le fasi)

* * *

 

Molto ben scritto con personaggi raccontati perfettamente in cui è facile provare a riflettersi.
Facile percepirne il brivido dell’avventura.
Se dovessi descriverlo con una frase sarebbe sicuramente "un respiro a pieni polmoni".

samantha

* * *

 

Difficile non innamorarsi di questi due protagonisti perfetti, che riescono a farti ricordare com’è innamorarsi a 20 anni, quando basta stare insieme, esserci per l’altro, essere spensierati ed esserlo insieme all’altro. Selvaggia e Jules fanno di più. Riescono ad andare avanti, a crescere insieme, a fare della loro unione forza e motore per mantenere solidi i propri sentimenti e, contemporaneamente, per concretizzare i propri sogni.
Difficile non amarli..ancora più difficile non invidiarli molto!

Giorgia Recchia

* * *

 

Questo libro non mi ha appassionata particolarmente. Dopo averlo letto non mi sento arricchita. Pur presentando degli spunti interessanti, questi non vengono approfonditi, ma lasciati in sospeso. La scrittura è semplice, ma a volte slegata.

adele calitri

* * *

 

***
Gruppo di Lettura  del torneo di Robinson
“Biblioteca di Buccinasco”
coordinato da Silvia Mincuzzi
***
Due belle storie - Selvaggia e Jules - intrecciate, anche drammaticamente, in una narrazione unica. Il libro è scritto bene, la lettura è gradevole e coinvolgente, a parte il leggero fastidio causato a volte dalla doppia interpretazione dei fatti (lei racconta e subito dopo si legge il racconto di lui, il suo punto di vista). Se da un lato è interessante, come del resto è sempre interessante osservare la situazione con gli occhi dei singoli protagonisti, questa struttura di racconto, dopo qualche pagina e l’inevitabile sensazione di “già visto”, diventa un po’ stucchevole, tipo: “Uffa! e adesso vediamo come la pensa lui...”,  oltre a implicare necessariamente una serie di ripetizioni. Ho molto apprezzato invece l’elenco di buoni consigli di vita dedicato ai tre figli della coppia e ospitato dalle ultime pagine del libro, un vademecum intriso di saggezza, buon senso e incoraggiamento che tutti i ragazzi dovrebbero poter portare con sé.

Panico Donatella

* * *

 

Si potrebbe definire una via di mezzo tra un romanzo d’appendice 2.0 e un manuale di autoterapia. Quello che mi ha dato particolarmente fastidio è la mancanza di sincerità, il senso di costruzione, di prestabilito di due persone che ai miei tempi si sarebbero semplicemente definiti due ‘fricchettoni’. Può essere interessante la loro scelta di vita, solo che dovrebbero evitare di farla sembrare la scoperta del secolo. Lo stile è frammentario, spesso ripetitivo e con solo qualche sprazzo di onestà.

Parretti Lorena

* * *

 

Questo libro mi ha catturato già dalle prime pagine. Scrittura molto scorrevole, appassionante e ben calibrata. Non eccede mai nelle ripetizioni o in eccessive descrizioni di situazioni, ma è molto accattivante con queste descrizioni così chiare e precise di stati d”animo che ogni innamorato ha certamente vissuto senza magari essere mai stato capace di descriverle così bene. La storia di Jules e Selvaggia è talmente ben scritta che me li sono immaginati chiaramente quali protagonisti di un bellissimo film, perché secondo me ne faranno di certo un film, la sceneggiatura è quasi già fatta! Se posso darei questi nominativi per gli attori Alessandra Mastronardi nei panni di Selvaggia e Primo Reggiani in quelli di Jole. Sarebbe un meritato successo per questo libro che ho molto apprezzato, è un libro che parla di sentimenti, innamoramenti in maniera pulita e profonda... ti conquista.

Solano Tina

* * *

 

Il libro è l’intenso racconto di una ragazza che affronta con coraggio e amore il passaggio dalla giovinezza, con tutti i problemi speranze, alla fase nuova della maternità desiderata. Scritto bene e di facile e comprensiva lettura.

Federico Gerardo