< Zenzero e Melissa di  Stefano Callegaro, Giuseppe Bosin (Fefe)

Qui di seguito le recensioni di ZenzeroEMelissa raccolte col torneo 'nar' (tutte le fasi)

* * *

 

Simpatica l’idea di associare ricette, tradizionali con qualche aggiunta originale, con storie talora molto belle anche se molto tristi. Si legge velocemente.

Camilla Robert

* * *

 

"Zenzero e Melissa" è la raccolta di storie corali che ruotano intorno alle ricette che l’autore vuole presentare e che hanno segnato in qualche modo la sua esperienza nel tempo. Ogni storia è introdotta da una colonna sonora e si conclude con ingredienti e procedure delle ricette.
Il linguaggio è semplici e schiaro. Rende la lettura piatta ma comunque godibile, vista la struttura dinamica del libro.
I personaggi sono descritti e caratterizzati con verosimiglianza, i dialoghi invece risultano artificiali.
Le storie brevi sono di ogni tipo: romance, sportive, criminali, a sfondo storico, tematiche sociali, religiose, di formazione. Tutte legate da elementi descrittivi elementari che caratterizzano il clima mediterraneo: il cielo il sole e il vento. Gli elementi narrativi delle storie che l’autore racconta a volte scadono nel melodramma retorico, ma la struttura della narrazione tiene alta l’attenzione.

Luca Petrassi

* * *

 

La storia di vari personaggi, non sempre credibili, si associa all’ interessante rivisitazione di alcune ricette della tradizione italiana.

Tullia M.

* * *

 

Cavalca l’onda del noir italiano non riuscendo nell’epica impresa.Stilisticamente linguaggio elementare ,gergale ,intreccio della storia scontato .

Martina d orazio

* * *

 

Una bella impaginazione e presentazione, peccato io non ami i libri di cucina. La scrittura non mi ha coinvolta.

* * *

 

In una dedica ritrovata di un vecchio libro di Maurizio Maggiani trovo scritto "fratello della mia storia"... per un pezzo di vita, anche se breve, in cui abbiamo condiviso tempi, luoghi e persone ma soprattutto silenzi. Una dedica epica oserei dire nel senso di "vigorosamente oggettivo e narrativo"... almeno per me. Ma in fondo l’epica dei singoli individui e delle famiglie, a qualsiasi ceto esse appartengano, l’epica dei luoghi o dei viaggi per raggiungerli, siano essi i Lunigiana o in un’isola sperduta del Pacifico ed ancora l’epica della politica o meglio della Storia ma, alla fine, l’epica dei sentimenti costituiscono il manifesto segreto di tutti i libri dell’ Autore che, nell’ ETERNA GIOVENTU’ trovano sintesi e ricapitolazione prima del Mauriuzio uomo e poi del Maggiani scrittore...

Sandra De Flaviis