< Libri e lettori

Anime trasparenti di Daniele Bresciani
Garzanti

***

Circolo dei lettori del torneo letterario di Robinson
di Civitanova Marche “Scriptorama”
coordinato da Luca Pantanetti:

***

 

Il romanzo di Bresciani, attraverso un’indagine “ufficiosa” condotta dall’Ispettore Miranda sulla morte di una donna, che risulterà essere la protagonista silenziosa del libro, affronta una serie di tematiche che coinvolgono personaggi ai margini della società, dai bambini figli di immigrati clandestini, fino ad incontrare i meandri più torbidi della rete web.

L’impressione è che i diversi livelli del racconto, pur essendo coerenti tra loro, siano a tratti prevedibili, così nei dialoghi molto descrittivi, nello svolgimento degli accadimenti e nel finale stesso dell’intera storia.

D’altro canto, i personaggi sono ben delineati e lo studio asciutto della scrittura mette in luce il carattere degli stessi e ne sottolinea le motivazioni che spingono ciascuno di essi ad agire per ridare dignità agli esclusi della nostra contemporaneità.

Paola Chiucchi

***

Anime trasparenti” è un romanzo avvincente, che si legge tutto d’un fiato.

L’ambientazione è profondamente attuale: periferia di Milano, immigrati non regolari.

Qui il Bene e il Male si fronteggiano: il Bene incarnato da personaggi come Gloria, che tanto si spende in aiuto degli ultimi, fino a perderci la vita, e il Male nel crimine forse più odioso, perché vede al centro del desiderio degli adulti i bambini.

Miranda, il personaggio che è chiamato ad indagare, è un ispettore di Polizia profondamente umano che il lettore non può non amare.

Hacker e mondo del dark web arricchiscono il romanzo con ingredienti allettanti.

Andreina Carnuccio

***

Il libro di Bresciani è un giallo con tutti gli elementi “classici” di ogni libro con protagonista un ispettore di polizia. C’è un tentato assassinio, ci sono vari sospettati, c’è un’indagine che con mille difficoltà cerca di arrivare verso la verità. Lo sfondo in cui si muovono i protagonisti è quello dell’immigrazione e dell’abuso sui bambini. L’autore vuole dunque riflettere sulle vittime, sempre più in aumento, dovute alla violenza sui minori e al loro commercio. Alcune pagine del libro, soprattutto quelle che ci raccontano la storia della ragazzina Lea, sono davvero taglienti e rendono bene la disperazione di questa ragazzina che ha subito solo violenza per praticamente tutta la sua breve vita. Altro grande punto di forza del libro è la figura dell’ispettore Miranda. A tratti nascosto dietro alle sue maniere scorbutiche, in realtà si rivelerà essere oltre che un astuto investigatore, anche un uomo empatico e pieno di protezione verso le persone più deboli che lo circondano.

Cristina Cantiani

***

Milano, periferia di Milano, polizia, minoranze etniche, deepweb, corruzione ed omicidi e poi gloria , una donna con un sogno , una aspirazione , un progetto, questi sono gli ingredienti di anime trasparenti . La narrazione si alterna tra l’indagine di miranda, la speranza di Anna ed il fuggitivo Michael. L’evolversi dell’indagine prenderà sempre più corpo scoprendo macabri risvolti che farà converge i protagonisti in un epilogo adrenalinico e ricco di azione. Il finale fa riflettere non tanto su quello che vediamo tutti i giorni sui notiziari ma su quello che c’è e che non vediamo.

Marco Moretti

***

Un buon giallo, ricco di suspense, colpi di scena che tratta temi pieni di fango, immondi: la criminalità organizzata al servizio di pedofili, ricchi e potenti. Ambientato in una Milano periferica, grigia e piovosa, rifugio di derelitti senza documenti e senza speranza, tra palazzoni e viali infiniti.

Interessante lo stile, moderno, senza fronzoli con flashback che spiazzano la trama e la rendono fluida e accattivante; diretto nelle scene più dure ma dolce e pieno di sensibilità nelle scene di amicizia e amore.

 L'unico appunto per i personaggi principali: talmente bravi e onesti, senza macchie da risultare alle volte poche credibili; ma forse l'autore ci ha voluto lasciare un barlume di speranza per il futuro di questi bambini, anime trasparenti in un mare pieno di squali.

Personaggio degno di nota il poliziotto MIRANDA, uomo normale, taciturno, amante degli animali con una grande sensibilità e capacità di giudizio nei confronti di una società malata; non si atteggia a superuomo né a salvatore del genere umano ma cerca di aiutare, dalla sua posizione di tutore della legge, chi necessita di speranza.

Non è mai facile dare un volto all’orrore della pedofilia e Bresciani ha colto il segno, senza mai esagerare e senza mai cadere nella banalità; la tensione c’è e il lettore rimane incollato alle pagine.

Lorenza Manoni

 

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it