< Libri e lettori

Il sangue dei padri di Giuseppe Fabro
Rizzoli

 

***
Circolo dei lettori del torneo letterario di Robinson
di Savona “La compagnia dei lettori”
coordinato da Alessandra Bruno
***

Una storia di ragazzi figli di madri stuprate, abbandonate, picchiate e di padri assenti o violenti il cui sangue nulla c’entra con questi giovani che, esclusi dalla società, si ritrovano a delinquere in una Genova che si riconosce solo per i nomi delle piazze e dei quartieri ma è priva di un’identità precisa, come i protagonisti della vicenda che rapinano, picchiano in una continua escalation di violenza che li porterà ad organizzare, con un’ingenuità disarmante, tra una quantità incredibile di caffè e un piatto di pasta al pesto, addirittura un rapimento. Non c’è traccia alcuna di romanzo giallo, ma una debole condanna di un sistema educativo assente e un sistema carcerario inutile.

Roberta Cospito

***

Nonostante la storia narrata possa essere reale o comunque molto vicina alla realtà, ho trovato che l’autore quasi godesse nel descrivere nei minimi particolari tutte le violenze fatte o subire dai protagonisti. L’ho trovato eccesivo e morboso, questo mi ha portato ad interrompere la lettura a metà (cosa a me non abituale).

Giorgia Incerti

***

Senza colpi di scena, senza geniali investigatori, il libro racconta la storia di un gruppo di ragazzi cresciuti nel disagio dei vicoli di Genova. In breve, riescono a trasformarsi in banda molto ben organizzata e pericolosa, fino a quando una serie di elementi avversi (polizia, controlli e incidenti vari) non pongono fine alle loro imprese. Il tutto viene raccontato con un ritmo cinematografico incalzante, e anche l’ultima rocambolesca avventura e il finale a sorpresa, sono la degna conclusione di un romanzo che si legge tutto di un fiato.

Simonetta Zanini

***

Dai vicoli di Genova un gruppo di adolescenti irrequieti affronta il mondo con l’unico mezzo in loro possesso: la violenza. Le loro amicizie, gli amori, la rabbia che cova in famiglie disperse dagli eventi tragici di una guerra ancora vicina, li spingeranno a compiere rapine per mantenersi indipendenti e inseguire un effimero benessere. La narrazione coinvolge e a tratti è feroce come i protagonisti.

Paolo Schiavi

***

Un romanzo che racconta la mala vita genovese come raramente è accaduto finora. Ci si appassiona e ci si immerge nelle storie e nelle avventure di due gruppi di giovani che vivono nei caruggi della città della lanterna negli anni Sessanta. Inevitabile entrare in empatia con loro. La criminalità giovanile descritta, impressiona per quanto sembri normalità. Volendo fare un parallelo con i nostri tempi, l’argomento è molto attuale, visto che questo problema sociale è sotto osservazione e sta andando verso un livello di emergenza.

Alessandra Bruno

***

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it