< Libri e lettori

I leoni di Sicilia-La saga dei Florio di Stefania Auci

Nord

 

Una scrittura scorrevole con il giusto equilibrio tra la lingua nazionale e quella di una Palermo che profuma di posti lontani. Le storie dei personaggi si susseguono all’interno di quelle che sono vicende storiche più ampie.  L’ascesa, la voglia di riscatto dei Florio è la spinta che sta dietro la saga di questa famiglia che deve continuamente fare i conti con l’invidia e lo sdegno di chi non li accetta. Una famiglia che segnerà la storia dell’isola dal punto di vista commerciale. Il libro trabocca di personaggi forti e determinati e facilmente ci si affeziona a loro grazie al sapiente stile della Auci.

Clementina Miele

***

Una narrazione forte che riporta in vita con grande naturalezza la Palermo ottocentesca, il suo sole violento, il suo dialetto, a respirare i profumi delle tonnare e delle botteghe di spezie, attraverso gli occhi di chi l'ha vissuta, uomini e donne.

L’ascesa di Casa Florio scorre parallela e si intreccia alla storia, dal terremoto del 1779 che spinge la famiglia a lasciare Bagnara Calabra per Palermo, attraverso tutto il XIX secolo, con l’annessione al Regno delle due Sicilie, il colera, i moti indipendentisti fino allo sbarco di Garibaldi.

La famiglia Florio fu un grande esempio di quella nuova borghesia costituita da 'self-made-men' che con le proprie mani costruirono fortune, rispondendo a tutte le sfide e gli stravolgimenti economici, politici e sociali con energia e ingegno. In una contrapposizione feroce alla vecchia classe aristocratica, ricca ormai solo di titoli e arroganza, ma ferma e incapace di abbracciare i nuovi tempi.

Lucia

***

Saga familiare che si intreccia con la Storia del nostro Paese e, inevitabilmente con la bellezza delle città siciliane. Odori, colori e sensazioni si mischiano al coraggio di una famiglia che dal nulla tenta, con ogni strada e mezzo, la scalata nella società, e raggiunge il successo, pur non riuscendo mai a divenire aristocrazia. Con una scrittura semplice ma avvincente, caratterizzata da periodi brevi che aiutano al lettore di restare incollato alla trama, i Leoni di Sicilia è senza dubbio un romanzo storico emozionante che lascia il segno in chi si immerge tra le sue pagine.

Chiara Gagnarli

***

Il libro inizia a Bagnara Calabra con il terremoto del 16 ottobre 1799 e prosegue poi in Sicilia, con il trasferimento della famiglia Florio, a novembre del 1799, a Palermo.

La storia si sviluppa fino al settembre 1868 attraversando i moti del 1820-21, l’epidemia di colera a Palermo nel 1837, i moti rivoluzionari del 1848, le vicende dei Borbone, l’arrivo dei garibaldini e gli inizi del nuovo regno sabaudo (1860).

I fratelli Florio, Paolo e Ignazio migrano a Palermo con la moglie di Paolo, Giuseppina, il loro figlio Vincenzo e la nipote Vittoria, (orfana dei genitori). I due fratelli affittano l’aromateria, una specie di drogheria e commerciano spezie di vario genere: chiodi di garofano, cannella, cortice (che serviva per curare la malaria e la febbre in generale).

I Florio sono terribilmente decisi a farcela, lavorano instancabilmente, a testa bassa, in un ambiente ostile, arrogante e maldicente.

Paolo, con la testa sempre e solo sul lavoro, anaffettivo e scorbutico muore di tisi. Ignazio è una figura mirabile della quale è impossibile non innamorarsi. Cresce l’amatissimo nipote Vincenzo come e più di un figlio, colto, preparato, con esperienze anche all’estero.

Vincenzo assumerà la guida della famiglia e della Casa Florio con un grande fiuto per gli affari, partendo dal commercio delle spezie, lo sfruttamento delle cave di zolfo, la produzione del vino Marsala (oggetto di vari premi anche a livello internazionale) la gestione di tonnare (con l’invenzione di conservare il tonno dopo cotto, in vasi di vetro e/o confezioni di latta, sott’olio), l’uso di macchinari per la frantumazione dl cortice e per la lavorazione del ferro. Otterrà altresì il monopolio pe il Servizio Postale della Sicilia.

Vincenzo è attento, capace, scafato, arrogante, lavoratore instancabile. Pur essendo ricchissimo resterà, per i nobili siciliani, un “parvenu” e sarà considerato il “facchino” un “pezzente arricchisciuto”, gli stessi nobili, senza pudore, che hanno bisogno dei suoi prestiti di denaro contante per non morire di fame.

La società rappresentata è estremamente   maschilista e la donna è spesso vittima. Non può decidere dove vivere, né scegliere chi amare. Vittime in maniera diversa sono sia Giuseppina, la madre di Vincenzo, che Giulia, la moglie la quale è riuscita a farsi sposare quando è nato il terzo figlio, finalmente maschio. Chi non ha tifato per lei quando non si sapeva ancora il sesso del terzo figlio?

È una società dove la nobiltà è inoperosa, attaccata ai propri privilegi “Ecco cos’è la Sicilia, Non appena provi a fare qualcosa di diverso trovi sempre qualcuno che si mette a picchiulare e frignare perché gli dai fastidio, o non vuole, o ti dice come devi fare o, semplicemente, deve scassare la …”

Molti sono i sentimenti che si percepiscono nel libro.

La maldicenza – di coloro che non possono essere competitivi e non hanno altre armi.

La rabbia – di Paolo e Ignazio per essere considerati dei facchini; di Giuseppina per essersi sposata con un uomo che non ama; di Giulia che non riesce a respingere Vincenzo; di Vincenzo per non essere accettato dalla nobiltà siciliana.

L’umiliazione – di Giulia che accetta di vivere come amante pur di stare con Vincenzo; di Angelina che si rende conto che il padre ama solo il figlio maschio.

L’invidia – dei nobili verso i Florio diventati così ricchi.

Una domanda mi lascia però perplessa. Questo libro è anche un romanzo storico. È mai possibile che la famiglia Florio, così ricca e potente, non abbia mai avuto richieste o interferenze con la mafia?

Emanuela Morello

***

La saga della famiglia Florio, migranti calabri che faranno fortuna a Palermo nell’800, si presenta come un romanzo storico ma non possiamo dire che lo sia: gli eventi che si abbattono sulla famiglia non sono attori principali ma una mera eco nell’andare della trama. Eppure non è neppure un romanzo di finzione: al di là della forte caratterizzazione (merito della scrittura della Auci, scorrevole eppure impervia come la Palermo che descrive), ogni capitolo viene appesantito da nozioni storiche mal calibrate per inquadrare i fatti. Se non fosse per la scrittura così piacevole e leggera, questo romanzo sarebbe difficile da leggere come i manuali di storia del liceo.

Silvia 

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Per partecipare, registrati. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it