< Libri e lettori

Il ragazzo di Telbana di Paolo Di Stefano

Giunti

 

Una narrazione fresca e piacevole, bel racconto, ma destinato più ad adolescenti che a lettori adulti

Clelia Burlon

Quasi un reportage giornalistico che racconta, come "filmandole", le peripezie di un "minore non accompagnato" rendendolo protagonista e io-narrante. Una storia sofferta e ambientata benissimo, che ci mette nella pelle del ragazzo, perfetta per una adozione del libro in classe, a tratti troppo bella per essere vera (e invece forse lo è), nel suo mettere tutte le caselle a posto e nel cercare il lieto fine in ogni ambito (amore, lavoro, "integrazione" sociale). Ottimo come lavoro giornalistico e come uso didattico ma forse non per i fini di questo torneo letterario.

Valentina Chinnici

***

La vera storia di un migrante egiziano, con le sue speranze e la sua voglia di riscatto per il futuro, raccontata con semplicità e dall'indubbio valore educativo.

Laura Mollica

***

Una storia vera di un migrante che ce l’ha fatta.

Fuggito a sedici anni dalla sua terra arriva in Italia e invece di rimanere ai margini della società si inserisce nel tessuto del suo nuovo paese; insomma una finestra sulla vita di un ragazzo che regala tanta speranza e che insegna come le difficoltà della vita possono essere superate se affrontate con forza di volontà auto disciplina e sacrificio.

Da far leggere ai ragazzi.

Silvana Bonomolo

***

Piacevole da leggere, anche senza una gran struttura narrativa, a volte il racconto si sofferma troppo su alcuni particolari facendo perdere interesse per la troppa frammentarietà.

Serena Crifò

***

Avvincente, delicato, emozionante.

L'ho letto tutto d'un fiato, questo giovane uomo in bilico fra la fanciullezza e l'età adulta mi ha presa completamente. Lo stile è semplice e diretto, il ritmo è talvolta irruento con sequenze di parole che si susseguono in un crescendo che trasporta nel mondo di un giovane acerbo. Altre volte, come a voler sottolineare la sua necessità di razionalizzare un mondo di adulti nel quale è entrato senza averne ancora il necessario equilibrio, il ritmo è rallentato da elenchi numerati. Definirei il romanzo "una storia bella e ben raccontata".

Lucia Lio

***

La storia di un giovane migrante descritta con linguaggio diretto e coinvolgente. Seppure semplice, tanto da essere adatto alle scolaresche, la storia è così avvincente da far sembrare il giovane protagonista una persona conosciuta, da sostenere, nella sua purezza e nella sua lotta per ottenere ciò che ad altri sembra normale avere

letizia Mangiapane

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Per partecipare, registrati. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it