< Libri e lettori

La bambina tutta verde di Gherardo Colombo

Salani

 

La bambina tutta verde potrebbe essere definita la storia di come i bambini possono mettere in scacco i genitori, ovviamente in senso buono. Questo libro ha come protagonista una bambina che sa individuare le proprie necessità che afferiscono alla parte emotiva e intellettuale e riesce a comunicarle, attraverso un dialogo sincero e intelligente, ai genitori e quindi a nutrire se stessa e, in modo indiretto, anche loro. L’istinto della figlia permette al padre e alla madre di schiudersi al mondo, di conoscere e apprezzare i colori della vita, la bellezza della diversità e l’importanza di saperla accettare.

Luisa Montanari

***

Molto scorrevole, l'ho letto in un paio d'ore. Appena inizi a leggerlo dà l'impressione di essere un libro per ragazzi, in realtà lo vedo molto adatto per adulti, soprattutto se genitori. Trovo che abbia più di una morale oltre a quella descritta dall'autore.

Eva Matiz

***

"La bambina tutta verde", seppur rivolto ad un pubblico giovane, presenta una trama banale e all'inizio molto ripetitiva.

La morale sul riconoscere e accettare la diversità in un mondo dove sono i bambini a portare i colori nella vita degli adulti, è sicuramente apprezzabile ma si svela subito (forse solo per l'adulto) fin dalle prime pagine.

Barbara Bigotto

***

Libro adatto anche ai più giovani, il linguaggio è semplice e permette molte riflessioni sulla diversità, sull'inclusione e sul fatto che anche i figli possono aiutare i genitori a crescere. Belle le immagini dell'illustratrice Paravicini!

Erica Drius

***

È un romanzo breve illustrato dedicato ai bambini e alle bambine dagli 8 anni d'età che affronta i temi dell’identità, dell’inclusione, dell’accettazione delle diversità e della giustizia. Nel mondo che descrive gli adulti hanno perso il dono dell'immaginazione e hanno rinunciato e provare a comprendere chi è differente perché vogliono essere circondati da un solo colore. Cambierà il loro modo di vedere e di approcciarsi al mondo la scelta multicolore della loro figlioletta che, andando a scuola per la prima volta verrà travolta dai colori. La scuola, in questo caso, e la relazione con i coetanei apriranno gli occhi e la mente della protagonista, come l’istruzione fa e dovrebbe fare, educando all’accoglienza, al confronto e alla tolleranza.

Antonella Marinai

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Per partecipare, registrati. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it