< Libri e lettori

La salute prima di tutto di Melania Rizzoli
Mondadori

 

***

Grandi lettori
di Robinson
***

Se l’obiettivo imprescindibile di un libro che fa divulgazione medica è la chiarezza espositiva, si può senza dubbio affermare che Melania Rizzoli riesce pienamente nell’intento. Lo fa accompagnando il lettore con quella franchezza ed umanità tipica del medico, sapendo toccare anche gli argomenti più complessi con il giusto tatto. I consigli e gli accorgimenti per migliorare il benessere quotidiano, rendono la lettura del libro un vero toccasana.

Lorenz De Poli

 

***
Circolo dei lettori di Robinson
di Alba “Milton”
coordinato da Serena Aimasso

***

 

 

La salute prima di tutto: questo saggio come scritto nella premessa è molto interessante ricorda le letture che facevo da mia nonna del Reader’s digest con consigli utili per la salute supportati dalle fonti degli studi con curiosità ed affronta un po’ tutti gli aspetti che riguardano la salute di una persona. Le sezioni sono ben divise e gli argomenti trattati con molta chiarezza. Curiosamente, nonostante sia un manuale, la lettura scorre con facilità ed è piacevole.

Stefania Dogliotti

***

La scrittrice parte dal nemico numero uno per la salute umana, il cancro, prosegue con il cuore (infarto, ecc.), l’alimentazione, tutto ciò che è legato al sesso, per chiudere con il nemico più recente, il Coronavirus, Cov 19. Giudizio personale: Ogni capitolo tratta gli argomenti sia dal punto di vista scientifico che umano e stimola l’attenzione del lettore, che quindi diventa interessato alla prosecuzione della lettura e della conoscenza scientifica.

Mariangela Bottallo

***

La salute prima di tutto di Melania Rizzoli è un saggio che cerca di far chiarezza su una serie di nozioni mediche e di argomenti riguardanti la salute su cui è spesso facile far confusione. Il massimo pregio del libro è appunto quello di saper coniugare la competenza della scrittrice, medico chirurgo nella vita di tutti i giorni, con una prosa trasparente e divulgativa che permette anche a chi non ha conoscenze in questo campo di comprendere argomenti complessi. E sono davvero tanti i temi trattati: l’autrice inizia parlando del cancro, poi passa ai sintomi e il decorso delle malattie cardiovascolari e del coma farmacologico, spiega cosa si intende per donazione degli organi, come sconfiggere lo stress e vivere meglio, come combattere l’ipocondria e altre malattie «immaginarie», quali sono i rischi del fumo e del colesterolo ed infine affronta temi di psicologia e violenza nei rapporti di coppia.

Lorenzo Germano

***

Sul testo di Melania Rizzoli, che ho sentito di più come una generica pubblicazione divulgativa, una raccolta di “chiacchierate” che potrebbero tranquillamente comparire sulle pagine di settimanali per donne, che come un vero saggio, non ho molto da dire. Ho faticato ad apprezzarlo: troppo “leggero” per coglierne informazioni scientifiche, troppo vasta, variegata la materia per farne una raccolta di informazioni che non spaventino piuttosto che fare cultura, che non confondano prima di creare conoscenza. Vittorio Feltri in prefazione dice che “La salute prima di tutto” sia uno di quei libri che troveranno un posto sul comodino di moti per essere letto a poco a poco, assorbito all’occorrenza. Forse semplicemente non ho capito. Riproverò. E certa editoria non finisce mai di stupirmi.

Lara Martini

***

È un libro pubblicato, a mio avviso, in un momento sbagliato. Siamo già sommersi da messaggi scientifici, o spacciati per tali e, francamente, non sentivo il bisogno di ulteriori informazioni su patologie e ricerche varia. Scritto in modo chiaro, accessibile e scorrevole ha comunque il grande pregio di non essere angosciante. Può essere letto anche da un ipocondriaco senza rischiare di sottoporsi subito a un check up completo.

Luigina Ferrero

***

“La salute prima di tutto” si presenta come un non così piccolo compendio che racchiude utili informazioni su molti dei malanni dell’uomo moderno, talmente aggiornato da includere persino una parte dedicata al tristemente attuale Coronavirus. La fonte risulta senza dubbio autorevole e affidabile, dato davvero non scontato nel contesto in cui viviamo, ma risulta un po’ difficile immaginare il lettore ideale a cui un’opera come questa è indirizzata. Nel mondo digitale e costantemente connesso in cui viviamo oggi, dove l’attenzione alla salute è una tematica costante trattata da molti media, immagino con fatica una situazione in cui ricorrere ad un’opera simile per ottenere delle informazioni che, per quanto ricche di dettagli e interessanti riflessioni, non risultano particolarmente specialistiche né si distaccano da quelle consultabili più rapidamente altrove. Personalmente ritengo che un libro non può essere soltanto una raccolta di informazioni o riflessioni, a meno che queste non abbiano oggettivamente un carattere (o un autore/autrice) eccezionale. Avrei apprezzato il tentativo di inserire queste informazioni all’interno di un percorso che seguendo un filo conduttore narrativo avesse reso la lettura più intrigante. Inoltre la promessa del sottotitolo “manuale per non ammalarsi”, che di certo non può essere mantenuta, e la riduzione di comportamenti o scelte che possono avere motivazioni complesse ad un semplicistico “fa bene/fa male” possono forse essere accettabili, per quanto discutibili, su un quotidiano o una rivista, ma a mio parere meno in un’opera letteraria.

Maria Sole Steardo

***

Un sottotitolo che è tutto un programma: dal cancro all’ipocondria: manuale per non ammalarsi. Una raccolta di risposte a quelle domande che, prima o poi, ci siamo posti. È così che scopriamo che il cancro ha un odore, o che l’ansia può salvare la vita, che mangiare male uccide più del fumo. Una raccolta di consigli e spunti per la vita di tutti i giorni, sempre da valutare con il proprio medico.

Francesca Vigna

***

Questo libro l’ho trovato molto interessante e curioso pensavo fosse il classico libro di indicazioni su sintomi malattie diagnosi e cure, invece l’autrice, che ho scoperto essere anche medico e “vittima” di questo male che a volte fatichiamo a chiamare cancro, ci aiuta a capire come reagire e proseguire accettando questo terribile compagno di viaggio, a non sottovalutare certi sintomi, ovviamente senza cadere nell’ipocondria. Fa notare quanto gesti semplici e giornalieri come un bacio o un abbraccio possano essere una piccola terapia per far star meglio la nostra mente e far capire che veramente la salute è prima di tutto. Ovviamente non mancano testimonianze e consigli medici per affrontare non solo quello che colpisce il corpo ma anche a far reagire la nostra mente.

Antonella Alisetta

***

Un vademecum divulgativo e approfondito delle piccole e grandi malattie del nostro tempo.

Silvia Barberi Squarotti

***

La salute prima di tutto è un libro interessante, un po’ troppo tecnico. Parte dal presupposto che il corpo si ammala perché noi lo facciamo ammalare. Non sempre è convincente.

Anna Cavestri

***

il manuale presenta argomenti medici complessi ma spiega con un linguaggio eloquente e inaspettatamente vivace malanni e malattie, sintomi e cure possibili. Emergono anche spunti curiosi come quelli trattati ad esempio nei capitoli “L’amore è un diamante” oppure “Un tattoo è per sempre”.

Silvia Rinaldi

***

una guida per la salute utile e che si legge con interesse e rapidità. Lascia però perplessi che sia stato inserito in gara con un romanzo

Daniela Barucco

***

La salute prima di tutto è un manuale scientifico, ma al tempo stesso, un modo diverso per avvicinarsi alla malattia e riuscire a capire meglio determinate situazioni, altrimenti troppo lontane o sconosciute.

Serena Anselma

 

***
Circolo dei lettori del torneo di Robinson
di Ciampino  "Gli equilibristi del giovedì"
coordinato da Alessandro Staccone
***

 

Un bel tomo, questo manuale di 366 pagine, ricchissimo di contenuti e di avvertenze per evitare – nei limiti del possibile – di ammalarsi, riconoscendo i primi segnali che il nostro corpo ci invia - che può essere utile in ogni casa, da consultare più volte, in undici capitoli tematici : Il nemico numero uno - Questioni di vita e di morte - Problemi di cuore - Amore - …e psiche - I falsi miti dell’alimentazione - I falsi miti della cosmesi - Sesso e dintorni - Pillole di benessere quotidiano - Le malattie dei vip - Il nemico sconosciuto. Melania Rizzoli, medico chirurgo, in virtù della sua formazione ed esperienza, negli articoli usciti sul quotidiano «Libero» e raccolti nel libro - sollecitata da Vittorio Feltri che ha scritto la prefazione, e lo definisce una guardia del corpo - racconta con parole comprensibili e chiare il cancro (il nemico che molti devono combattere, compresa l’autrice) e il Coronavirus ( Il nemico sconosciuto) che ha invaso le nostre vite e continua a preoccupare. Parla di argomenti della Medicina che incuriosiscono tutti, racconta alcuni famosi casi clinici, spiega i sintomi e il decorso di molte malattie, approfondisce la donazione degli organi, racconta come sconfiggere l’ipocondria e altre malattie immaginarie, affronta le cardiopatie, i rischi del fumo, dell’obesità e del colesterolo, tratta il delicato tema della violenza nei rapporti di coppia, che segna sempre più la cronaca quotidiana. Affronta temi di psicologia e descrive come combattere lo stress.

Teresa Anna Coni

***

Un compendio di divulgazione scientifica ma di agevole lettura, che permette di comprendere i meccanismi di mali e malesseri che affliggono corpo e mente dell'uomo moderno. Oltre alla parte descrittivo-esplicativa, una particolare attenzione viene posta alla valutazione dei rischi per la salute e all'analisi dei rimedi e delle cure. Molteplici ed approfonditi gli argomenti di interesse, tutti attualissimi; non ultimo il fenomeno pandemico mondiale a cui è dedicato il capitolo di chiusura.

Donatella Carboni

***

 

***
Circolo dei lettori di Robinson
"Biblioteca comunale di Castano Primo"
coordinato da Paola Lauritano e Maria Rosa Gambacorta

***

 

La Salute prima di tutto è un saggio o, a mio avviso, si potrebbe proprio parlare semplicemente di un “bigino per la sopravvivenza”. Infatti la scrittrice in ogni capitolo si concentra su una tema su cui, tutti prima o poi, abbiamo avuto dubbi o curiosità. Il libro è davvero utile perché ricco di casi particolari, pratici, quotidiani, molte statistiche e ricerche. Per le spiegazioni scientifiche si è cercato di utilizzare una terminologia e un linguaggio molto semplice e diretto che secondo me ha colto nel segno perché trasforma questo libro in una piccola enciclopedia adatta a tutti anche per chi non è del mestiere. Si passa dal golden hour in caso di infarto, al fidarsi della propria saliva, passando per l’effetto “cuore spezzato” fino a lasciar perdere un fidanzato troppo egoista perché non farebbe bene al nostro umore e soprattutto al nostro corpo. Un libro che consiglierei a tutti. 

Sara Martin

***

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it