< Libri e lettori

Le parole del nostro tempo di Matteo Maria Zuppi e Andrea Segre

 

***
Circolo dei lettori del torneo di Robinson 
di "Biblioteca di Pioltello"
coordinato da Fiorenza Pistocchi e Sara Ballis

***

Esaminando alcune parole di uso frequente, gli autori del saggio riflettono sulla necessità di ripensare e ridefinire abitudini mentali, convenzioni divenute convinzioni, comportamenti sociali che la pandemia ha messo in crisi e quindi in discussione. Punto di riferimento costante è l’enciclica di Papa Francesco Laudato si’ .

Le idee, espresse in linguaggio proprio e scorrevole, sono sicuramente condivisibili, ma leggendo si avverte una sensazione di “già sentito” che inevitabilmente induce a considerare banale e forse superfluo l’intero libro. Voto 0.

Maria Liverani

***

Il cardinale Zuppi e il professor Segrè hanno scelto 11 parole per dare il via ad un dialogo a due voci: quella spirituale/religiosa e quella laico/scientifica. Lo scenario è quello dell’ultimo anno trascorso in “compagnia” della pandemia. I temi trattati sono interessanti e ben argomentati, ma purtroppo non apportano nulla di nuovo rispetto alle tante riflessioni già operate durante gli ultimi mesi trascorsi ad ascoltare esperti apparsi nei vari ambiti di comunicazione. Le parti dialoganti, non dialogano, ma esprimono dal loro punto di vista quali sono i cambiamenti ai quali ci ha costretto la pandemia sia nel bene che nel male.

Elena Parmesani

 

***
Circolo dei lettori del torneo di Robinson 
di Palmanova "LiberMente"
coordinato da Maria Renata Sasso

***

Il libro trae ispirazione dal forzato isolamento conseguente alla pandemia di Co¬vid-19. Gli autori, un teologo e un regista, mettono a confronto due diversi punti di vista, quello spirituale del religioso e quello scientifico del laico. Osservando i cambiamenti che hanno stravolto le nostre vite, danno la loro interpretazione di 11 vocaboli che centrano il modo di essere, avere, vivere e credere. Nasce una fine analisi del significato di: normalità, povertà, lavoro, consumo, ambiente, etica etc., che percorre e attraversa il tempo. Scopriamo i differenti e più profondi significati che queste parole hanno assunto, dai decenni passati fino ad arrivare ad oggi, dopo essere stati messi a dura prova da questo infido virus. Ho trovato stimolante questo esercizio perché va diretto al nocciolo di alcuni temi importantissimi e inderogabili della nostra epoca, che, solo se trattati con onestà e consapevolezza, potrebbero aiutarci a migliorare noi stessi e l’intero pianeta.

Miria Turcato

 

 

***
Circolo dei lettori del torneo di Robinson
di Ciampino “Gli equilibristi del giovedì”
coordinato da Alessandro Staccone

***

 

 

Gli autori si confrontano e dialogano su due aspetti diversi uno laico scientifico l'altro spirituale religioso sugli effetti della pandemia nel presente e nel futuro. Gli argomenti trattati sono: Normalità, Relazione,Lavoro,Consumo, Ambiente, Cibo, Integrazione Economia.

Questi argomenti sono analizzati al presente con una visione negativa poiché la nostra società è fondata sull'individualismo e il consumismo.

Abbiamo messo da parte tutti i sentimenti di solidarietà, sostenibilità, educazione cura della persona e dell'ambiente .

Gli autori fanno un'analisi e una riflessione sulla prospettiva che proprio questi sentimenti ci dovrebbero aiutare a creare, dopo la pandemia, una nuova opportunità per una vita futura migliore.

 

Marcella Terribile

***

 

 

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Per partecipare, registrati. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it