< Libri e lettori

Passaporti. Un viaggio esoterico di Giuseppe Marcenaro
Saggiatore

 

***
Circolo dei lettori del torneo di Robinson
di Formia
coordinato da Enza Valpiani 
***

 

Il paesaggio che ci viene proposto è quello delle Alpi occidentali. La narrazione è molto intensa perché l’autore ci conduce attraverso tre percorsi. Questi percorsi, che si intrecciano tra di loro, rendono il libro denso e ricco.

Nel primo ci accompagna in gite e camminate piene di scoperte, di colori, di boschi e di acque che esprimono il suo amore per questi luoghi. Sarà questo amore a convincerlo ad acquistare una casa da ristrutturare. Così il coinvolgimento con la montagna si fa più stretto e di diverso tipo. I problemi burocratici e pratici ci fanno scoprire quanto sia difficile sottrarre i paesini di montagna all’abbandono. I problemi che scopre lo seguono anche nella sua attività di conferenziere sui temi dell’ambiente.

Le guerre spesso hanno violato  le Alpi occidentali, specialmente l’ultima guerra che

ha messo l’un contro l’altro popoli cugini, il cui legame è messo in evidenza anche dai nomi dei luoghi.

L’autore cita spesso personaggi famosi della nostra storia culturale per sostenere le sue tesi, ma il nome di Mario Rigoni Stern ritorna più volte. Chi meglio di lui può aiutare a “Salire in montagna”?

                                                                                                                                                                                                                    Cesarina Lucca

***

Il riscaldamento globale e la crisi ecologica sono leit-motiv del libro/diario, sapientemente corredato di dialoghi e interviste che Mercalli, esperto qual è, snocciola in una sequenza reale e documentata. Ad intervallare queste riflessioni si profila via via un sogno un progetto: da un casolare abbandonato in alta quota viene una speranza di resilienza, di una nuova relazione uomo-ambiente. Assistiamo alle difficoltà delle pratiche burocratiche, delle strade franate, del continuo impegno manuale, ma la colonna che troneggia nella casa diviene simbolo di un modello del passato (1905) e si sposa con le nuove tecnologie. Si concretizza così il “buen retiro” dell’uomo del futuro.

 

Enza Valpiani

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Per partecipare, registrati. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it