< Libri e lettori

Racconti di Natale di Louisa May Alcott
Garzanti

 

***

Recensioni del Circolo dei lettori
del torneo letterario di Robinson
di Catanzaro “Ubik” coordinato da Nunzio Belcaro

***

 

 

In linea con tutte le storie del Natale, manca un po’ di magia, non mi ha particolarmente coinvolta.

Carmen Barbalace

***

Scritto bene, ma i libri della Alcott, i suoi protagonisti, i suoi racconti, si somigliano un po’ tutti.

Felice Foresta

***

Bei racconti, scritti bene dalla Alcott, ti fanno venire voglia di tè e biscotti. Sara per questo che il racconto che ho amato di più è La teiera di Mrs Podgers!

Rosa Fera

***

Questi racconti sono riusciti a parlare di più a cosa ha significato e significa ancora oggi per me il Natale. Inoltre rappresentano un vero viaggio nell’America dell’Ottocento.

Francesco Grande

***

Sono nata in America, i miei primi ricordi di Natale sono nati lì. Mi sono piaciuti i racconti della Alcott. Un po’ sbilanciati sui sentimenti e con meno magia rispetto al libro di Baum.

Antonella Sellia

***

Il Natale per riscoprire le cose davvero importanti della vita. E questi racconti della Alcott riescono nell’intento, scritti molto bene.

Roberta Pirillo

***

Questi racconti sono scritti bene ma a me Piccole Donne non è mai piaciuto tantissimo e faccio fatica ad immedesimarmi in questi personaggi femminili.

Maria De Grazia

***

Coinvolta più dalla magia di Baum che dalla realtà della Alcott. Rimane una scrittrice che adoro e trovo molto belli questi suoi racconti, scrittrici fra le più brave a raccontare la sensibilità femminile.

Giuliana Furrer

***

Sono belli questi racconti della Alcott. I riferimenti, le immagini che si creano, le tradizioni, parlano meno a noi però.

Antonella Critelli

***

Racconti ben scritti che rientrano nel solco morale che abbiamo imparato a conoscere con la Alcott in Piccole Donne. Forse per questo motivo mi ha coinvolto meno della storia di Babbo Natale di Baum

Cinzia Pustorino

***

È stato difficile scegliere fra questi due splendidi libri di Natale. La storia che più ho amato in questa piccola raccolta è stato “Il racconto di Rosa”.

Maria Pantusa

***

Questi racconti hanno aperto la mia mente ai ricordi, alle stanze della mia infanzia, il Natale fatto di casa, tradizione e fiabe. L’ho trovato incantevole.

Paola Ciriaco

***

È sempre un piacere leggere la Alcott, scrittrice che conosco molto bene, Piccole Donne è stato il mio primo romanzo che ho letto. Forse, proprio per questo, mi ha sorpreso meno del libro di Baum che l’ho vissuto come una vera e propria scoperta.

Silvana Ferrari

***

Veri affreschi. Percepisci il tepore dei camini accesi, delle tazze di tè fumanti e dei cuori coinvolti dal sentimento del Natale.

Domenico Esposito

***

L’atmosfera del Natale è ben rappresentata da queste storie della Alcott. È sempre importante rileggere dei valori che dovrebbero caratterizzare queste giornate festive. Insegnamento senza tempo.

Saveria Cristiano

 

***

Recensioni del Circolo dei lettori
del torneo letterario di Robinson
di Amman “lettrici italiane in Giordania”
coordinato da Elisa Gironi

***

 

Deliziosi racconti, di sapore antico. La vigilia di Natale è una notte magica e attraverso le protagoniste di questi racconti si vive un mondo fatto di buoni sentimenti, educazione, sani principi, generosità, altruismo.  Il mondo è sicuramente cambiato, i racconti sono edificanti ma un po' datati, le fanciulle che incontriamo nei racconti sono veramente personaggi di una volta.  Sono racconti facili da leggere, ma è una lettura che riscalda il cuore e fa riflettere sui valori veramente importanti della vita. Inoltre, chi non ricorda l'atmosfera di Piccole Donne che ha rapito tante di noi quando eravamo bambine?

Donatella Pichinon

***

Racconti di Natale di Louisa May Alcott ricreano uno spirito natalizio di buoni sentimenti, di carità verso i poveri (soprattutto i bambini) e di volontà di far felici quelli che si hanno attorno.

Forse più vicini come spirito a quello cattolico di tempi non lontani e meno consumistici. 

Raccontini compiuti, di facile e piacevole lettura.

Alessandra Rocchi

***

I racconti della Alcott sono uno spaccato della vita americana dell’Ottocento e incarnano perfettamente lo spirito natalizio di quel periodo fatto di buoni sentimenti, di valori come l’altruismo, la generosità e la carità cristiana. Si sente un forte senso di buonismo che dovrebbe albergare nelle persone a prescindere dalla classe sociale di appartenenza.

La lettura di questo libro, piacevole e scorrevole, mi ha portato indietro nel tempo, alla mia adolescenza. Piccole Donne e Piccole Donne Crescono, insieme a il libro Cuore e i Ragazzi della Via Pal, sono stati i miei primi libri letti e i libri che mi hanno introdotto al piacere della lettura!

Giusi Bonanno

***

E' stato faticoso terminare la lettura del libro della Alcott, nonostante sia più breve dell'altro. Conoscevo Piccole donne che ho letto da bambina. oggi non riesco ad apprezzare lo stile spesso estremamente sdolcinato. 

Dei racconti, quello che forse mi ha interessato un po’ più degli altri è La teiera di Mrs Podgers, in cui si rivelano in modo tenero i sentimenti tenuti nascosti dai due protagonisti che sento più reali e vicini.

Devo dire che apprezzo il fatto che la Alcott insiste molto sulla condizione dei poveri in America e ci fa partecipi delle loro difficoltà quotidiane che si manifestano in modo eclatante durante l'atmosfera natalizia che vorrebbe tutti felici e spensierati. Ma lo stile è troppo sentimentale fino a diventare stucchevole.

Loredana Frizzi

***

I protagonisti dei racconti sono da una parte persone che appartengono alla classe più bassa della società americana dell’800 che vivono uno stato di bisogno, anche solo affettivo, o di indigenza e dall’altra persone più fortunate, ricche o meno che offrono loro aiuto. Storie molto dolci, a volte esageratamente dolci, e con il lieto finale un po’ troppo scontato, ma che fanno comunque riflettere che a volte basta un piccolo gesto a rendere felici gli altri.

Serena Bernardi

***

Luisa May Alcott ci porta per mano nell’atmosfera natalizia della vita americana dell’ottocento, dove ritroviamo lo spirito del 25 dicembre vissuto attraverso le emozioni della Vigilia di Natale di casa March, nel primo racconto.

Anche il lettore più smaliziato saprà sorridere e accondiscendere alla gaiezza dei racconti della Alcott. dove ritroviamo sentimenti di sorellanza (Una ragazza tranquilla) e amicizia quasi eversivi (La teiera di Mrs Podger). I racconti della Alcott sono votati a trasmettere valori come generosità, benevolenza e amore, lo spirito senza tempo del Natale. Ma è’ interessante il messaggio che pervade tutte e storie: facciamo del bene agli altri per sentirci più buoni noi. Bella traduzione di Milana Finazzo che rende giustizia allo stile dell’autrice di Piccole Donne.

Maria Rosaria Papa

***

Una serie di racconti intrisi di spirito natalizio, che vorrebbero mostrare il lato più buono dell’animo umano: la ragazza orfana che decide di vivere con la nonna materna, riunendo gioiosamente l’intera famiglia in occasione delle feste; la servetta che dopo tanta sofferenza viene finalmente “amata” dalla famiglia dove lavora… tutto troppo stucchevole e improbabile. I personaggi sono superficiali e volubili, non sono riuscita ad appassionarmi alle loro storie, tutto troppo zuccheroso. Se avete visto il film “il Grinch”, il cattivo che inizialmente odia il Natale alla fine si trasforma e lo vive come un momento di gioia, il film ci fa vedere man mano la sua trasformazione. In questi racconti invece, basta una parola detta da una zia per trasformare completamente l’attitudine della famiglia verso la servetta, non si spiega, è un cambiamento forzato senza introspezione che mi ha lasciata insoddisfatta.

Deborah Da Boit

***

Si tratta di un collage di frammenti tratti da romanzi di Louisa May Alcott. Mentre "Natale a Thompson Hall" tratta di figure maschili e femminili, in questi romanzi i personaggi sono quasi esclusivamente donne.

Se si vuole trovare il senso di rispolverare questi racconti, lo si scopre nel far rivivere al lettore atmosfere natalizie in cui i valori erano più importanti delle tradizioni. In questa epoca in cui il consumo fa da padrone è necessario ricordarsi dei valori quali la carità, quella che si rivive in "Piccole donne", oppure l'importanza della famiglia e dello stare insieme abbandonando l'egoismo, come nel brano di cui Kate è la protagonista.

Luisa Pieri

***

 “Racconti di Natale” di L. M. All’ottavo riporta ad un atmosferico calda e familiare, dove vengono rappresentati i valori della vita ai quali dare importanza è che spesso fanno superare le difficoltà della vita con piccole gentilezze che rendono tutto più leggero anche per il lettore.

Laura Valsecchi

***

Louisa May Alcott ha scritto dei romanzi memorabilia, classica lettura per adolescenti e non.
Nel suo primo racconto di Natale ritroviamo un episodio tratto da "Piccole donne". L'atmosfera vivace ci porta alla morale della storia, attraverso il gioioso "dare" delle simpatiche protagoniste.
Purtroppo nei racconti Che seguono l'ottima intenzione di elevazione spiritual dei lettori è troppo evidente. Manca lo spirito di "Piccole donne".
Sono pur sempre racconti di valore educative. LA loro delicate sensibilità commuove i lettori e li porta in un mondo dove "ricchezza" Non si riferiscono solo ai beni materiali.
Patty, La "Ragazza tranquilla" dell'orfanotrofio è ricca di buona volontà e perseveranza. Pensa agli altri e per sé cerca solo affetto e consideration. La sensibilità di Tilly le fa salvare dal freddo un uccellino e dà la possibilità al facoltoso vicino di esternare doti di generosità, prima sepolte sotto la neve...
Rosa, La cavalla, parla in prima persona delle sue peripezie e tocca IL cuore di chi sa ascoltarla.
La special teiera di Mrs Podgers testimonial Ancora una volta la creatività Della Alcott commuove, ma fa anche sentire ammirazione per la perseveranza, IL senso dell'onore e IL profondo amore di Rusalem.
La "zittella letterata", come si autodefiniva, si e' ritagliata un posto fra I più talentuosi scrittori del diciannovesimo secolo

Barbara De Maio

***

Lettura veloce, allegra, positiva.

Antonella Toniolo

***

A racconti di Natale va ma mia preferenza. Anche questi ci trasportano nella seconda meta dell800 ma in America vigilia di Natale. 7 storie di giovani donne mosse da generosità e amore verso il prossimo alimentano lo spirito del Natale.

Maria Laura Viscarelli

***

Racconti di Natale, oppure ritorno all’infanzia, perché leggere la Alcott è tornare bambini e rivivere la magia del Natale in cui tutti si diventa più buoni e l’impossibile si avvera, il povero diventa ricco ed il cattivo buono. Peccato non essere più bambini.

Elisa Gironi

 

Il torneo letterario di Robinson è un'iniziativa curata da Giorgio Dell'Arti per conto di GEDI Gruppo Editoriale S.p.A.
L'iniziativa è riservata agli utenti maggiorenni. Per partecipare, registrati. Questo sito non usa cookies.
Dubbi, problemi: torneoletterariodirobinson@giorgiodellarti.com
Vedi anche Il Blog di Giorgio Dell'Arti su Repubblica.it